Cronache di Sasserine

Dal diario di Jack

La perla rubata

Olidammara Symbol

Yvellios chiede al fantasma quando e come è morta, l'una risposta è: da molto tempo. Senza ulteriori indugi usciamo fuori, Yvellios attiva la perla e illumina l'armatura di Talion subito prima di entrare negli alloggi del capitano dopo aver distrutto la finestra, all'interno vi è il più totale disordine ed al centro della stanza uno scheletro con gli indumenti rovinati che sembrano essere quelli di un'ammiraglio,con il pomello incastrato tra le costole ed una scimitarra in mano, io e Colm ci lanciamo all'attacco seguiti da Yvellios e Talion, affrontiamo un duro scontro nel quale faccio saltare la testa all'ossuto capitano.

Recuperiamo il pomello e diamo un'occhiata in giro, trovando all'interno di un cassetto una bolla magica piena d'aria dove vi erano  delle pagine di diario, una chiave e alcune monete, leggiamo il diario ed esaminiamo il pomello scoprendo che è possibile aprirlo. Decidiamo di aprire il pomello all'interno della bolla d'aria e scopriamo che contiene un medaglione con incastonata una pietra preziosa, al cui interno vi è una foto sbiadita e incisa la frase "ti amerò per sempre". Richiudiamo il pomello e torniamo dal fantasma per riconsegnarglielo.

Appena lo consegniamo il fantasma sparisce lascandoci la strada libera per proseguire, giungiamo alla porta blindata della stiva che non riusciamo ad aprire, decidiamo di affidarci alla grande forza di Talion, e lui con i suo martellone dopo 16 minuti riesce a fondare la parete laterare e riusciamo finalmente ad entrare, ci dividiamo ed iniziamo a cercare la fonte di energia negativa, pultroppo non si trattava della perla nera ma di un teschio oscuro, lo mettiamo nello zaino un po' delusi e continuiamo a cercare, Colm dopo un po' di tempo trova una botola segreta con un lucchetto, lo apre con la chiave presa in precedenza dalle stanze del capitano e trova un forziere pieno di rune, queste rune recitano un'incantesimo protettivo ed una trappola, non avendo altre chiavi andiamo a cercare nella sala macchine, qui troviamo un'altra porta blindata, ma questa volta neanche la grande forza di Talion riesce a sfondare la parete accanto la porta. Usciamo fuori e mentre io e Talion andiamo a prendere la grande perla bianca che si trova sulla polena, Yvellios e Colm controllano i fianchi della nave trovando una via d'accesso alla stanza con la porta blindata, l'infermeria della nave, all'interno di una borsa medica ben nascosta troviamo una chiave con incisa una runa, la prendiamo e nuotiamo il più velocemente possibile verso la superfice.

Giunti in superfice, notiamo che la tempesta ci aveva quasi raggiunto, saliamo velocemente sull'imbarcazione ed iniziamo ad andare il più velocemente possibile, mentre un mulinello si iniziava a formare dietro di noi, fortunatamente riusciamo a scamparla ed arriviamo al porto, qui Yvellios ci saluta e va a fare un giro per la città mentre noi altri torniamo da Heyan. Giunti nella sua casa, prendiamo fiato e successivamente dopo aver pranzato usciamo fuori in giardino per aprire il forziere. Subito prima di aprirlo, ci prepariamo nel caso la trappola fosse scattata mentre Talion si accingeva ad usare la chiave, funziona ed all'interno del forziere troviamo un abito cucito con una stoffa pregiata. Heyan ci guarda e ci chiede dove fosse la perla, mentre ci guardavamo confusi Colm controlla nel caso di un doppio fondo, lo trova e lo apre, troviamo una normale perla bianca ed un rotolo di pergamena scritta da chi ha rubato la perla con in basso al posto della firma un simbolo raffigurante una maschiera per metà sorridente per l'altra metà triste. Ci guardiamo un'altra volta confusi e sbigottiti chiedendoci chi poteva aver rubato la perla? quando? come mai erano ancora presenti gli incantesimi sul forziere?

Guardando bene la pergamena notiamo che è molto vecchia e che dovrebbe risalire al periodo in cui il galeone è affondato, quindi è probabile che la perla sia stata rubata prima della tempesta che ha fatto affondare il galeone. Decidiamo di cercare quindi la lista dei passegeri negli archivi della capitaneria di porto.

Ottenuta la lista torniamo da Heyan, dopo vari raggionamenti giungiamo alla conclusione che 2 dei nomi di quella lista non ci convincevano. Mentre io Talion ed Heyan continuiamo a pensare, Colm contatta la sua gilda riuscendo a scoprire che uno dei 2 nomi era la seconda identità di una ladra molto importante nella gilda e che era seppellita in un mausoleo nelle vicinanze.

Il mattino seguente ci riincontriamo con Yvellios e andiamo a dare un'occhiata a questo mausoleo, giunti al cimitero veniamo fermati da alcuni uomini che dopo varie discussioni decidono di far entrare solo Colm, mentre noi altri lo aspettiamo nella casa del custode.

Finita la visita, Colm torna da noi ed andiamo via, ci dice che la perla non può trovarsi all'interno del mausoleo e che, dalle informazione che aveva avuto lì, potevano esserci altri luoghi dove poteva essere nascosta la perla nera, una dei quali è un vecchio osservatorio abbandonato dove decidiamo di recarci per scoprire qualcosa di più.

Comments

Complimenti, un ottimo lavoro!

Dal diario di Jack
Dark_Field

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.