Cronache di Sasserine

poco tempo e tanti problemi

torniamo al passaggio nella montagna questa volta decisi ad attraversarlo ad ogni costo, attraversiamo la zona dove si trovavano le mummie sino ad arrivare in una stanzetta con 2 pilastri, ci rendiamo conto che serveno 2 "verghe" da inserire nei rispettivi pilastri e torniamo a cercare nelle nicche delle mummie, qui troviamo la tomba dove troviamo la restante verga ed un pugnale che una volta presi fanno scattare una simpatica trappola che fa saltare colm sulla mia testa per schiavarla, inserendo le 2 "verghe" nelle rispettive colonne riusciamo ad aprire il portone che ci porta su una spiagia, io e colm facciamo un salto in acqua e veniamo attaccati da 3 granchi piuttosto grandi, ora che siamo riusciti a passare la zona della montagna e potendolo rifare torniamo al villaggio degli aranea per curare illian che durante lo scontro con le mummie si è separato dal gruppo rischiando di morire. giunti al villaggio scopriamo che lithira e stata riaccettata nel villlaggio grazie al nostro intervento nel problema di quei dannati uccellacci, l'indomani torniamo alla carica, superiamo il passaggio nella montagna e dopo un pò troviamo il professor urol con cui andiamo ad ispezzionare la tomba che abbiamo trovato e scopriamo che è di uno shamano del popolo olman, ora ci diriggiamo finalmente verso farshore ma i problemi non sono di certo finiti, lungo questo tratto il professore ci avvisa che potremmo trovare dei gargoyle. il tempo stringe visto che sta per arrivare anche una nave della ffratellanza scarlatta

View
La prova
"Accidenti, qui รจ difficile anche dormire!"

Dopo tutta la fatica fatta per combattere l'uccello capo e le sue guardie, la sua fuga è stata piuttosto fastidiosa. Gandalfr ha suggerito di provare a portare agli Aranea le teste delle guardie, in modo da far quantomeno vedere che stiamo facendo progressi. Purtroppo non è ancora abbastanza per farci entrare. Ilian vuole cercare un posto sicuro per dormire, nonostante abbiamo appena trascorso 12 notti senza problemi nella caverna che ci aveva indicato la Driade. Trova alcune altre caverne, ma gli sembra che la più sicura sia quella dove siamo già. La notte è trascorsa in serenità, e la mattina successiva Ilian va a caccia. Torna con un cinghiale, che Jack mi chiede di scuoiare, non so per quale motivo. Non sono molto bravo in queste cose, ma ci provo lo stesso, e in qualche modo riesco a tirare via la pelle senza lacerarla. A occhio e croce potremmo venderla per 10 monete d'oro, anche se Ilian è convinto che ne valga addirittura mille! Passiamo il resto della giornata a piantare altri alberi, perché mi sento ancora in debito con la driade. Jack però vuole esplorare la caverna in cui abbiamo dormito, e trova un passaggio stretto, dentro il quale riesce a proseguire solo per poco. Ne parla a Gandalfr, il quale prova a mandare in esplorazione il suo famiglio. Il piccolo Skald torna con un ago in bocca, da dove diavolo arriverà? Ad ogni modo non sembra esserci niente di interessante, troviamo un modo per passare il tempo, Ilian va di nuovo a caccia, e alla fine arriva la sera. Inizia a piovere forte. Ilian torna dalla caccia con una preda, ma è piuttosto pallido, anche se lui stesso non si spiega perché. Mentre lui e Gandalf vanno a dormire, io resto a fare il primo turno di guardia insieme a Jack, ma dopo nemmeno un'ora succede qualcosa di strano: in lontananza vedo delle sfere di luce muoversi come se danzassero, e alla mia destra Jack mi chiede se ho sentito anch'io la voce (oddio, quale voce?). Dice anche di aver avuto una sensazione di freddo, qualcosa che non sente da tempo immemore. Svegliamo gli altri, Gandalf ci dice che le luci sono create da un incantesimo, mentre io e Ilian pensiamo che il freddo che ha sentito Jack sia dovuto a una creatura, ma al momento non riusciamo a ricordare bene cosa sia, ricordiamo solo che può assumere una forma incorporea. Non si cava un ragno dal buco, ma non sembra esserci una minaccia in questo momento, quindi rimandiamo a dormire Gandalf e Ilian e riprendiamo la guardia. Dopo pochi minuti, da qualche parte nel bosco, parte un dardo incantato diretto a Jack, e io riesco a vedere con la coda dell'occhio una creatura dall'aspetto quasi demoniaco che scompare nel nulla. Mi sembra di ricordare che si chiami Wendigo, e sveglio Ilian per chiedergli se sa qualcosa in più. Per fortuna lo conosce, e ci spiega che questa creatura è molto sfuggente, si fa vedere solo dalla creatura che sta attaccando, e solo nell'ultimo angolo di visuale. Inoltre, quando vuole, può assumere la forma di vento freddo, diventando di fatto intangibile. Lo scontro con quest'essere è difficile, ma riusciamo ad abbozzare una strategia per individuarlo, e con qualche sforzo riusciamo a metterlo in fuga. Il resto della notte passa senza altri problemi. Verso mezzogiorno, quando finalmente mi sveglio, per ultimo, Ilian inizia a mettersi sulle tracce dell'uccellaccio maledetto. Lo troviamo da solo in una radura, è ancora malconcio per lo scontro di due giorni fa, e con qualche colpo ben assestato finalmente è fuori gioco. Portiamo trionfanti la sua testa dagli Aranea, che finalmente ci permettono di stare nel loro territorio e organizzano dei festeggiamenti per la minaccia eliminata. La mattina successiva, per il nostro addestramento, Risa ci conduce in una zona lungo il fiume, dove ci sono delle cascate. La nostra prova sarà spirituale, infatti qui è presente un collegamento con un altro piano, che noi raggiungeremo solo con la nostra anima, mentre i corpi resteranno immersi in queste acque per consentirne il rientro una volta superata la prova. Entriamo in acqua, e immediatamente perdo i sensi. Mi sembra di viaggiare all'interno di un tunnel oscuro, completamente sommerso, e in lontananza si vede della luce. Mi muovo in quella direzione, finchè non mi sembra di uscire dall'acqua e inizio a precipitare. La caduta si arresta dopo poco, e mi ritrovo in una stanza scarsamente illuminata, con le pareti completamente piene di armi. Immagino che questo posto sia nella mia mente, e provo a sforzarmi per far muovere le armi appese ai muri, ma non succede niente. In questa stanza c'è solo una porta, quindi cammino verso di essa, ma vengo bloccato da una figura umana avvolta nell'ombra, che ha armi identiche alle mie. Vengo attaccato subito da questa "cosa", ma il colpo che subisco sembra non fare nulla, perciò rispondo all'attacco in maniera blanda, estraggo le mie armi preferite ma dò solo un colpo, a vuoto. Quando estraggo le armi però anche l'ombra ne tira fuori una seconda, e attacca ancora, ma continuo a non sentire niente quando le lame mi colpiscono. Lascio cadere le mie armi e la figura si ferma.
"Sei ancora debole", mi dice con una voce inumana. "Insegnami a essere forte", rispondo io.
"Vai avanti". E scompare.
Avanzo attraverso alcune stanze, ognuna delle quali sembra essere una prova per saggiare le mie capacità e la mia intelligenza. Alla fine trovo l'ombra ad aspettarmi accanto all'ennesima porta. Mi dice che oltre quella porta c'è mia sorella, ma che vedermi la ucciderebbe. Dice che è per via del mio passato, e mi dice qualcosa di esso. Discendo da uno dei Dieci, i maghi che oltre un millennio fa scatenarono il primo dei Cataclismi Gemelli. Il suo cognome è Blacksteel, come il mio ovviamente, ma è un passato troppo lontano persino per l'ombra, che è un altro mio antenato, per questo non conosce anche il suo nome. Mi dice che il mio avo era molto forte, alla pari con un altro membro, Imis Redleaf, mago del plasma, ed entrambi erano secondi solo ad un'altra persona, che capisco essere Vecna. Questo però non spiega quale sia il problema con Anya. L'ombra mi dice che il mio amico stregone saprà dirmi qualcosa in più, perché ne è appena venuto a conoscenza. Infine mi spiega che il potere di Blacksteel, che si trasferisce ai suoi discendenti, è il potere delle Ombre, e che sono destinato a diventare un Maestro delle Ombre, come tutti i miei antenati prima di me. Avanzo oltre l'ultima porta, e qui ci sono altre Ombre disposte in cerchio. C'è un vuoto nel cerchio, che sento essere il mio posto, e quando lo raggiungo un'Ombra entra nel mio corpo. Il mio antenato mi spiega che presto potrò evocarla, e che si sveglieranno anche le mie altre capacità. E poi tutto finisce. Mi risveglio in acqua, Gandalf si è già ripreso, ma ha qualcosa di diverso, e in qualche modo la sua tunica ha cambiato colore, ora è bianca. Vedo Jack seduto sul fondale, sembra pensieroso. Quando anche Ilian si sveglia, abbiamo un pò di cose da dirci.
Gandalf ha scoperto che uno dei Dieci ha modificato la Devastazione Infuocata per lasciare integra Tovag Baragu. L'ombra mi ha spiegato che Tovag Baragu è uno snodo tra dimensioni. Vecna ne aveva bisogno per arrivare a Sigil, per questo ha modificato l'incantesimo.
Ilian deve onorare la memoria di Skald. 
Jack ha incontrato il creatore del suo corpo. In pratica, quando l'ha trovato in stasi temporale gli ha costruito un corpo da Forgiato uguale in tutto e per tutto ai vecchi costrutti Suel. Questa persona conosceva Jeremia. Dovrebbe essere il cronomante di cui parla nel suo diario. Si chiama Jaran. Conosco questo nome, è Jaran l'oscuro, il capo della Valle del Mago. Si dice che sia allo stesso livello di Mordenkainen. 
Ora è tempo di preparativi. Chiedo a Risa se può incantare la mia armatura, mi dice che può, ma ci vorranno dieci giorni. Nel frattempo Gandalf si offre di proteggermi con l'incantesimo Armatura Magica ogni volta che sarà necessario finchè la mia non sarà pronta. Andiamo ancora una volta nel tunnel, dove scopriamo che la melma non si è svegliata per colpa di ilian. Tentiamo ancora una volta di attraversare la zona delle mummie, ma quando riusciamo a distruggerle tutte la melma sta cercando di aprirsi un passaggio attraverso la porta, e Ilian è privo di sensi perché si era allontanato e ha combattuto al buio. Come se non bastasse, quello schifo di protoplasma si è diviso due volte, e ora dobbiamo affrontarne ben tre. 

View
Alla Caccia!
Maledetti piccioni

Lascia Rhisa e non trovando un posto dove accamparci iniziamo a disboscare la foresta, facemmo dei falò ma non calcolammo che un acquazzone avrebbe potuto sfasare i piani e infatti il nostro esploratore avvistò una tempesta imminente, dunque ci incamminammo per trovare un posto sicuro e una Driade iniziò ad attaccarci ma non ricambiammo tale ostilità e cercando un compromesso per rimediare al disboscamento lavorammo per 12 giorni e ci riparammo in una grotta da lei consigliataci.

Finiti questi giorni di lavoro andammo alla ricerca del capo dei piccioni, e dopo sterminate le sue guardie e qualche sottoposto con Ilian in coma, sconfiggemmo il capo ma riuscì a scappare.. "quel maledetto morirà presto, seguiamolo' dissi ai miei compagni…

Gandalfr, lo stregone

View
Dentro il passaggio attraverso le montagne
4 festa del raccolto

Salutiamo il venditore di maschere e ci incamminiamo decidendo se dirigerci a Far Shor oppure nel passaggio tra le montagne. Decidiamo per la seconda opzione.                         Entriamo in un dungeon e proseguiamo. 
Mentre proseguiamo vediamo una fontana e un trono e prendiamo cose di valore, successivamente vediamo 2 statue che Jack con la sua forza riesce a distruggere.
Ad un certo punto c'è da fare una scelta: andare a destra o a sinistra.
Vediamo che c'è un grande baratro  nel bivio.
Jack curioso di sapere quanto fosse profondo butta giù un sasso e veniamo poi attaccati da due ragni che riusciamo a uccidere senza fatica e problemi.                                                                            Dopo questo scontro, vediamo il bivio e decidiamo di andare a destra: qui apriamo una porta, ma poi io tocco l'acqua di uno stagno e risale in superficie un cubo gelatinoso: evitiamo assolutamente lo scontro e scappiamo ritornando al bivio. Qui andiamo a sinistra e ci troviamo ad affrontare 3 zombie: sembrano facili da affrontare ma effettivamente ci danno parecchi problemi.
Infatti, Gandalf e Colm si beccano la malattia di putrefazione.
Li affrontiamo: 2 vngono uccisi, ma il terzo sopravviverà. Lo scontro termina uscendo fuori dal dungeon.
Ora toccherà capire come affrontare la giornata, come muoversi e dove riposare in modo sicuro.
Sono preoccuppato dal mio futuro, da cosa mi riserviranno gli eventi successivi


 

 

 

View
rivelazioni pericolose

ci inoltriamo nella giungla in avanscoperta insieme ad alcuni uomini dell'equipaggio della nave per tracciare un sentiero per i passeggeri, veniamo improvvisamente attaccati da alcuni dinosauri ed 1 altro perde la vita, i sopravvissuti dell'equipaggio ci chiedeno scusa ma non se la sentono di continuare l'esplorazione e tornano alla spiaggia dagli altri mentre noi proseguiamo. giunti alla fine di quel tratto di foresta vediamo delle rovine ed una donna anziana in piedi che si guardava intorno, io, colm e gandalfr andiamo avanti a parlarci, ci dice di chiamarsi Lithira, di essere la regina di un clan che si trova a nord dell'isola, di non aver mai visto nessuno della "nostra" razza (questo ci lascia un momento perplessi visto che non si riferiva solo a me, ma non diamo peso in un primo momento a questa cosa), ci chiede informazioni sul "mondo esterno", del fatto che il popolo degli olman aveva colonizzato l'isola e ci indica un passaggio che passa atraverso le montagne in modo da accorciare il percorso ed evitare una zona molto pericolosa piena di bestie feroci. la ringraziamo delle informazioni e gli parliamo del resto del gruppo chiedendogli aiuto per portarli sani e salvi almeno fino al passagio, acconsente alla nostra richiesta, ci saluta e va verso il bosco. qui la vediamo trasformarsi in un grosso ragno bianco, allarmato estraggo lo spadone mentre gandalfr dice sorpreso il nome della razza di lithira, lei ritorna in forma umana e chiede come mai avessi estratto l'arma, gli raccontiamo un po la nostra storia facendo anche il nome di aracne, sentito quel nome fa una strane espressione e ci racconta di una storia di diverso tempo prima quando aracne ando sull'isola per trovare un oggetto e rubò la magia del popolo di lithira, finiamo di discutere pacificamente ed andiamo ogniuno per la sua strada.

ci dirigiamo verso il passaggio quando vediamo un cartello che indicava un percorso "fatato" , facciamo questa piccola deviazione incuriositi mentre io e colm sentiamo come se ci fosse qualcosa di familiare, alla fine del percorso vediamo una casa sull'albero e sentiamo qualcuno piangere, la voce ci sembra familiare e decidiamo di salire, infatti era il mercante di maschere che abbiamo incontrato sulla stada di sasserine mentre andavamo a recuperare una delle perle, apro la porta lo saluto e gli chiedo cosa gli fosse successo ma inizialmente le uniche sue parole sono state – è tutta colpa mia -. io e colm cerchiamo di calmarlo e di farci siegare la situazione mentre arrivano illian e gandalfr. chiede ai nostri 2 compagni di uscire fuori mentre a me e a colm spiega quali siano i suoi poteri, come funzionano e la sua vera identità, quest'ultima cosa ci lascia completamente spiazzati e una volta che si è calmato un pò facciamo rientrare gli altri e spiega la situzione anche a loro.

lui è il figlio di Alwan Teraknian ,il fondatore della città di sasserine, e di Sasserine Vanderboren, finalmente scopriamo il suo nome completo, capendo il motivo per cui aracne aveva preparato anche un piedistallo per la famiglia Vanderboren, di come per cercare di aiutare i suoi genitori in una battaglia disperata utilizza una maschera molto pericolosa con dei poteri di cronomanzia con i quali ha creato una frattura nello spaziotempo dalla quale è uscito l'essere intrappolato nei sotterranei del castello spedendo lui avanti nel tempo con salti temporali fino ad arrivare nel presente, ci dice cosa si trova sull'isola (la perla bianca che molti nel passare dei secoli hanno cercato), di come funziona il meccanismo delle perle e di come fare per rispedire indietro l'essere imprigionato prima che riesca a liberarsi.

rimaniamo tutti per qualche istante "pietrificati" poichè mai avremmo pensato di sentire tutto ciò, agiunge anche che lui ha cercato di tornare indietro diverse volte utilizzando i poteri della cronomanzia ma senza successo, e la sua unica possibilità per tornare indietro era di entrare nella frattura che dovremmo aprire con il potere della perla bianca inseme all'essere che proviene da li, questo però potrebbe cambiare il corso del tempo riscrivendo completamente gli eventi a partire dal giorno in cui tutto questo aveva inizio.

anche dopo aver sentito questo decidiamo di proseguire mentre il mercante ci aiuta riportando i passegeri della nave a sasserine. da qui in poi le cose si faranno parecchio complicate e prima del momento in cui si dovrenno usare le perle dobbiamo essere sicuri delle nostre scelte, rischiare che quell'essere mostruoso si liberi o rischiare di essere cancellati e riscritti?

View
Estratti dai rapporti alla Gilda #44-48
"Avete sentito? Che diavolo era?!"

[…] La tempesta ci aveva portato ad arenarci in un abnorme massa di alghe, forse dei sargassi. Potevamo vedere tutto intorno a noi gli scheletri di vecchie navi coperte di alghe. Mi veniva il sospetto che potesse trattarsi di una certa creatura, che avrebbe sfruttato quella massa di alghe per ingaggiare una lotta infinita a meno di non riuscire a ucciderla. Pochi minuti dopo siamo stati infatti presi d'assalto da alcune creature dalle fattezze umanoidi, ma fatte completamente di alghe. Appena siamo riusciti a sbarazzarci di quelle salite sulla nave siamo scesi sulla distesa di alghe, cercando di farci strada fino a una nave che vedevamo in lontananza, coperta da un'incredibile quantità di alghe nere e putride. Sospettavamo che la creatura che generava questi esseri fosse proprio su quella. […] I nostri sospetti erano fondati. Ad attenderci c'era esattamente quello che mi aspettavo, un enorme Vine Horror, una sorte di "madre" degli esseri, anch'essi Vine Horror, che si stavano continuamente generando un po' ovunque fuori dalla nave. Combatterlo non è stato facile, anche perché aveva vicino a sè una sorta di sacca dalla quale spuntavano delle liane, che attaccavano immediatamente chiunque si avvicinasse. La "madre" era però legata tramite tre specie di tubi al "terreno," e con un po' di sforzi congiunti siamo riusciti a guadagnare a Jack il tempo per spezzarli. Questo ha impedito a quell'essere di continuare a generare alleati. Il fiato di drago di Gandalf ha fatto il resto. Tra i resti della nave abbiamo trovato dei tesori, un bottino sufficiente a ripagarci dello sforzo. […]


[…] Sembrava che dopo quell'orrore di pochi giorni fa la navigazione stesse procedendo per il meglio, ma due notti fa siamo stati colti da una tempesta che ha arrecato seri danni alla nostra nave. La parte peggiore è stata scoprire che il timone era rotto, e dopo aver passato la notte a fare tutto il possibile per impedire il peggio sembrava che tutto fosse sistemato. La notte scorsa però c'è stata un'altra tempesta, secondo Ilian innaturale, a seguito della quale siamo naufragati sull'Isola del Terrore. Al risveglio c'era Jack che trasportava un po' di cose dai resti della nave alla spiaggia. Credo avesse passato quasi tutta la notte a fare su e giù per recuperare passeggeri ed equipaggio. Probabilmente non ne saremmo usciti vivi se nonci  fosse stato lui. Eravamo tutti stremati, ma siamo riusciti a riposare un po' e a riprenderci almeno in parte. Skald ha organizzato una piccola spedizione, sarebbero andati lui e Gandalf a fare una ricognizione della foresta vicina. Improvvisamente abbiamo sentito un ruggito assordante, Gandalf e Skald sono usciti velocemente dalla foresta seguiti da…non ho idea di cosa diamine fosse, non avevo mai visto qualcosa del genere…come una lucertola, ma su due zampe e infinitamente più grande…non è stato facile trovare il coraggio di affrontarla, ma io e i miei compagni eravamo e siamo tutt'ora l'unico scudo tra i passeggeri e la morte, quindi ci siamo fatti avanti. Quel coso mi ha ingoiato tutto intero, sono riuscito a farmi strada tra le sue budella non so nemmeno come. Perfino Jack è stato ingoiato due volte, e anche Ilian…siamo stati tutti quanti a un passo dalla morte, ma poi […] Non so perché il professore non abbia provato a intervenire prima, ma mi ha spiegato in seguito che quelle strane conchiglie, che ora ha messo come protezione sul limitare della foresta, infastidiscono questi esseri per via del loro odore. Spero che per ora potremo essere al sicuro…non ho voglia di veder cadere un'altra persona…dobbiamo raggiungere Far Shore il prima possibile, anche se non ho idea di come potremmo riuscirci…

View
Dalle Rovine di Tamoachan agli orrori del mare

Vedendo Jack correre ci affrettammo anche noi a salire sulla barca, non era tanta la paura di aver visto Jack scappare ma aver visto il suo sguardo quasi pietrificato dalla paura.

Una volta sulla barca e già per mare, i guai non smisero di seguirci, iniazoro a morire persone, ma non persone normali, coloro che avevano truffato padre Feres inizarono a morire in modo atroce e ogni volta che ci lasciavano formavano con il corpo una specie di croce , seguita da un fiume di sangue, però c'era qualcosa che non quadrava , su ogni scena del delitto copariva quasi per magia un pezzo di pergamena con una scritta fatta con il sangue, non sapevamo cosa fosse e neanche io Gandalfr riuscì a capire cos'era.

Con profondi investigamenti e riuscendo a decodificare quelle scritte riuscimmo a decodificare quelle scritte riuscimmo a capire chi fosse la prossima vittima di quella maledizione, era il nano l'ultimo complice ancora vivo di quella truffa con padre Thomas anche lui ormai morto atrocemente.

Purtroppo non riuscimmo a fare niente neanche per il nano e cercando in tutti i modi di evitare la sua morte un pugnale comparì magicamente nella sua mano e con un colpo funesto s tagliò la gola.

Con il prossimo biglietto riuscimmo a capire che l'ultimo  sarebbe stato un certo Conrad.

Il problema fu che sulla nave erano presenti 3 persone con questo nome,

A intuizione riuscimmo a capire che il vero Conrad colpito dalla maledizione era in realtà Padre Feres e sottraedoli il crocifisso che portava sempre con lui, una strana aura rossa colpì Jack, andammo da Scald il quale ci rimproverò dicendo che saremmo dovuti andare a chiedere il suo aiuto prima che tutto questo fosse successo e immergendo la croce nellì'acqua santa questa si dissolse e la maledizione si spezzò.

Arrivammo a Tamoachan dove con ansia e gioia il professore sarebbe voluto andare e per non lasciarlo avventurare in quella foresta abbiamo deciso di accompagnarlo.

Dopo un'ora di camminata e disboccamento della flora arrivammo alle rovine, dove all'interno si celava un basilisco, creatura in grado di pietrificare con uno sguado colui che lo gurdava.

Entrati nelle rovine il prof ci diede dell'antipietrificazioni, due per la precisione, avremmo dovute usarle con saggezza.

Di fronte l'entrata c'era un corridoio dove con calma e cautela ci avventurammo, non l'avessimo mai fatto.

Appena Colm accesa la lanterna si pietrificò, ''Cavolo neanche il tempo di entrare e subito compare il basilisco'' esclamai con rabbia e anche un pò di paura, non avevo mai combattuto contro una simile bestia non sapevo come comportarmi.

Di colpo sentii Jack che iniziò a camminare e sentì un rumore, quasi come un grido di una lucertola, Jak lo aveva colpito, ormai erano poche le cose da fare; spietrificare Colm e combattere al buio e alla cieca.

Con facilità uccdemmo il basilisco, me lo aspettavo più forte e ''serpentoso'' pensai, ma non era questo il problema, da un pozzo presente in quella stanza comparì una creatura ancor più orriile con infinite bocche, la combattemmo e con alcune ferite riportate da Colm e Jack riuscimmo ad ardere quell'immonda creatura grazie alla mia magia di fuoco.

 Sfiniti e stanchi entrammo in una stanza dove era presnete un tavolo in pietra il quale si poteva spostare per aprire una portan segreta la quale collegava con un corridoio ad un'altra stanza, ma non appena aprimmo quella porta un fuoco fauto ci avvisò insistentemente di non oltrepassaare quel corridoio, ma ignorando il suo consiglio io, COlm, Jack e il prof ci avventurammo lì dentro, Illian rimase fuori per aprirci i passaggio, ma fu una decisione inutile, il passsaggio non si aprì più, dovevamo proseguire e andare a trovare un'altra uscita.

Incontrammo una creature molto ostile e strana che non esitò ad attaccare e dopo numerose ferite inflitte da essa la buttammo a terra e la spedimmo all'altro mondo, ma i guai non si fermarono, il fuoco fauto quel maledetto attivò un sistema di sicurezza che attivò delle rune che in poco tempo avrebbero fatto saltare tutto in aria, ma non solo, si attivarono dei guardiani di argilla molto lavorata e quasi indistruttibile, non potevamo combatterli ci avrebbero sicuramente ucciso e quindi facemmo guadagnare al prof del tempo per decodificare la parola segreta per mettere fine a quella magia,e così successe ma una cosa strana successe ancor prima, arrivo Scald sicuramente avevano riuscito ad aprire la porta di pietra, e gridò la parola gisua per disattivare quel sistema di sicurezza e tutto si fermò, ma il fuoco fauto imperterrito ci volle far fuori e iniziò ad attacare prima me e poi Jack ma con astuzia e precisione i due arcieri che ci avevano raggiungo misero fine alla sua vita.

Ritornammo sulla nave e continuammo il nostro viaggio e prima di arrivare sull'isola del terrore  la nave si arrestò in mare aperto dove un oceano di alghe faceva da blocco e come dei non morto degli orrori melmosi uscirono dalle alghe e sapevamo che questi attacchi non si sarebbero fermati fin tanto che non avessimo distrutto la creatura che li creava questa magia infatti è chiamata '' La Fine Del Viaggio''

View
Paura a Fort Blackwell
23 preparativo

Sconfitti i pirati che ci avevano abbordato vediamo la loro nave andare via e veniamo attaccati da una seppia gigante, riusciamo a spezzargli qualche tencacolo, scacciare la seppia e procurare la cena. Gandalf va dal capitano e si prende tutto il merito di aver sventato il pericolo, dicendo di averla fatta scappare con il suo colpo, non del tutto falso quello che ha detto anche se non era così forte il suo colpo, il capitano gli crede e fa un banchetto in suo onore, qui conosciamo Urol Forol uno studioso che ci racconta di essere stato sull'isola del terrore molti anni prima per studiare la flora e la fauna. Il giorno dopo ci dirigiamo a Fort Blackwell ma non c'è la vedetta del forte, il capitano è preoccupata per la sua amica Juliana, la governatrice del forte. Decidiamo di andare noi 4 a prendere il carico data la strana situazione, arrivati al forte troviamo la porta chiusa ed un silenzio tombale, Colm ed Ilian trovano un passaggio segreto per entrare all'interno, sfondate le botole e le porte arriviamo all'interno qui vi è un incantesimo che occupa l'intera stanza e una grande quantità di "morti", torniamo indietro sulla nave e diciamo al capitano che molto probabilmente erano tutti morti e gli spieghiamo cosa abbiamo visto, non ancora convinta del tutto il capitano decide di andare a cercarla personalmente, Urol Forol ci procura delle pergamene che ci avrebbero protetto dall'incantesimo che avevamo visto in precedenza e torniamo al forte insieme al capitano e Skald, usiamo le pergamene e cerchiamo all'interno del forte ed ai piani superiori, al primo piano sentiamo quello che sembrava il pianto di una bambina provenire da una stanza completamente avvolta in un'oscurità che sembrava assorbire energia vitale a coloro che ci entravano, al secondo piano troviamo Jiuliana come fulcro di un rituale necromantico, questo mi rievoca orribili ricordi ma mantengo il "sangue freddo" e pensiamo a come liberarla, propongo a gandalf di scambiare la donna con il suo corvo come fulcro del rituale in modo da liberarla senza spezzarlo visto che non avevamo il tempo per studiare un piano migliore, far uscire gli altri fuori mentre io calavo la donna con una corda, afferrare il corvo spezzando il rituale e scappare via da quel posto il piu in fretta possibile mentre loro erano già sul sentiero per tornare alla nave, iniziamo a seguire il piano ma mentre stavo calando la donna giù inizio a sentire nuovamente il pianto della bambina mentre si avvicinava sempre di più, faccio in modo di calare la donna il più velocemente possibile, afferro il corvo e lo butto nello zaino mentre la porta si spalanca e vedo uscire dall'oscurità un essere spaventoso dalle sembianze di una bambina cadaverica con diverse cuciture sul corpo ed una strana bambola in mano mentre sembrava sorridere malignamente, terrorizzato da quell'essere che già mi stava facendo salire l'ansia mentre si avvicinava una piccola parte di me mi diceva di scappare via da quel forte il più velocemente possibile, decido di saltare dalla finestra senza pensarci più di mezzo secondo e raggiungo gli altri correndo il più velocemente possibile, strappo di mano il corpo di Juliana dalle mani di gandalf e gli dico mentre ansimavo: – muovete il culo dobbiamo scappare il più velocemente possibile -. Arriviamo alla nave e salpiamo, chiediamo a Juliana poco dopo che si era svegliata cosa fosse successo li al forte ma non ricordava nulla, spero che non rivedremo più quell'essere anche se qualcosa mi dice che chi aveva avviato quel rituale ci cercherà, e con lui quell'essere.

View
Il viaggio sulla nave e l'attacco dei pirati

Siamo stanchi e provati dal combattimento contro il simulacro di Aracne e provati dalla morte dei Corvi di Giada.
Colm viene avvisato che ci conviene andare via da Sasserine. Così Colm ci avvisa di questo e decidiamo di lasciare Sasserine: ci imbarcheremo su una nave di Lavinia la sera stessa.
Prima di imbarcarci io vado a curarmi insieme a qualche mio compagno e chiedo informazioni a Thomas riguardo all'attacco effetuato dal ragno-fase: peccato che non ricorda niente.
Poi vado a comprare razioni da viaggio, successivamente ci rechiamo da Lavinia per salutarla e infine ci imbarchiamo.
Il viaggio in nave procede bene tranne per il fatto che un chierico un pò strano e affetto da cali di memoria chiede una moneta d'oro per la "Croce Rossa": indaghiamo su questo fatto.
Nel frattempo Jack fa da guardia su un punto alto della barca per avvisare se subiamo degli attacchi, poi successimvamente anche io farò lo stesso su un altro punto della nave (il tuttto con il permesso del capitano).
Dopo un paio di giorni di indagini, Colm e Gandalf giungono alla verità: si tratta di tre truffatori con la complicità di un nano.
Giunti alla verità verranno arrestati e chiusi su una cella di sicurezza della nave.
Il terzo giorno di viaggio la nave viene assaltata dai pirati: noi li combattiamo sconfiggendoli.
Io ho rischiato la morte (2 o 3 colpi critici sono difficili da assorbire per un esploratore come me).
Lo scontro termina, ma un'altra creatura ci aspetta da affrontare.

View
Il peso delle proprie colpe
Lunare 17, Preparativo, 595 C.Y.

Una disfatta…è stata una totale disfatta…siamo entrati nel castello in sette, noi Nightcrawlers insieme a quattro dei cinque membri dei Corvi di Giada…non laverò mai la colpa di aver trascinato tutti in uno scontro senza senso, che ha visto uscire solo me, i miei compagni e Gandalf, stregone dei Corvi di Giada…sono stato un tale idiota a cercare di affrontare un nemico di cui non sapevo niente, nemmeno che avesse un alleato…non c'era solo Aracne Arabani ad attenderci nel castello Teraknian, insieme a lei c'era anche il maledetto Errix…ma non darò la colpa di questo a lui, ha contribuito ben poco a questa carneficina…ho condannato persino Liamae, che avrebbe voluto fuggire dallo scontro…ora i Corvi hanno tre compagni da piangere, e questo non è servito a nulla…Aracne ha tutte le perle ora…o meglio, ce le avrebbe, se Errix non si fosse messo in mezzo. Mi ha sorpreso vedere Vorn rivoltarsi contro quella che pochi minuti prima sembrava la sua padrona, pugnalandola alla schiena quando era più vulnerabile e sottraendo la perla viola al teletrasporto che altrimenti avrebbe permesso all'altro simulacro di ottenere quello di cui aveva bisogno. Durante lo scontro abbiamo appreso che la perla nera è stata sottratta a Heyan, quindi il mio primo pensiero appena usciti dal castello è andato a lui. Lavinia era fuori ad aspettarci, e ci ha detto che Villa Greenleaf è stata quasi interamente distrutta, ed Heyan è morto avvelenato. Un'altra vittima da segnare sul mio conto. La situazione si fa sempre più disperata. Sembra evidente che l'ultimo simulacro di Aracne sia di gran lunga superiore alle nostre capacità, ma a essere onesti non eravamo all'altezza nemmeno di quello appena distrutto. A questo punto l'unica speranza è riuscire a trovare un modo per arrivare alle perle senza essere scoperti, un compito che mi assumerò io. Nel frattempo il nostro gruppo si unisce ai Corvi di Giada superstiti, e Gandalf è andato in biblioteca a cercare informazioni che possano esserci utili, sui ragni che abbiamo affrontato, su altri che potremmo affrontare in futuro, sugli aracnomanti e sul regno Suel. Ha il sospetto che Errix possa essere un adepto di Vecna, e che stia cercando di strappare il segreto di Aracne, che lui crede essere una sopravvissuta dei Suel. Jack e Ilian nel frattempo cercheranno di farci ottenere un pò di soldi con qualche incarico che alcune persone sembrano volergli affidare. Ci saranno indispensabili per prepararci a qualsiasi evenienza. Di una cosa a questo punto sono certo: lo scontro con l'ultimo simulacro va evitato a tutti i costi, almeno finché non saremo sicuri di avere qualche possibilità di farcela.

View

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.