Cronache di Sasserine

rivelazioni pericolose

ci inoltriamo nella giungla in avanscoperta insieme ad alcuni uomini dell'equipaggio della nave per tracciare un sentiero per i passeggeri, veniamo improvvisamente attaccati da alcuni dinosauri ed 1 altro perde la vita, i sopravvissuti dell'equipaggio ci chiedeno scusa ma non se la sentono di continuare l'esplorazione e tornano alla spiaggia dagli altri mentre noi proseguiamo. giunti alla fine di quel tratto di foresta vediamo delle rovine ed una donna anziana in piedi che si guardava intorno, io, colm e gandalfr andiamo avanti a parlarci, ci dice di chiamarsi Lithira, di essere la regina di un clan che si trova a nord dell'isola, di non aver mai visto nessuno della "nostra" razza (questo ci lascia un momento perplessi visto che non si riferiva solo a me, ma non diamo peso in un primo momento a questa cosa), ci chiede informazioni sul "mondo esterno", del fatto che il popolo degli olman aveva colonizzato l'isola e ci indica un passaggio che passa atraverso le montagne in modo da accorciare il percorso ed evitare una zona molto pericolosa piena di bestie feroci. la ringraziamo delle informazioni e gli parliamo del resto del gruppo chiedendogli aiuto per portarli sani e salvi almeno fino al passagio, acconsente alla nostra richiesta, ci saluta e va verso il bosco. qui la vediamo trasformarsi in un grosso ragno bianco, allarmato estraggo lo spadone mentre gandalfr dice sorpreso il nome della razza di lithira, lei ritorna in forma umana e chiede come mai avessi estratto l'arma, gli raccontiamo un po la nostra storia facendo anche il nome di aracne, sentito quel nome fa una strane espressione e ci racconta di una storia di diverso tempo prima quando aracne ando sull'isola per trovare un oggetto e rubò la magia del popolo di lithira, finiamo di discutere pacificamente ed andiamo ogniuno per la sua strada.

ci dirigiamo verso il passaggio quando vediamo un cartello che indicava un percorso "fatato" , facciamo questa piccola deviazione incuriositi mentre io e colm sentiamo come se ci fosse qualcosa di familiare, alla fine del percorso vediamo una casa sull'albero e sentiamo qualcuno piangere, la voce ci sembra familiare e decidiamo di salire, infatti era il mercante di maschere che abbiamo incontrato sulla stada di sasserine mentre andavamo a recuperare una delle perle, apro la porta lo saluto e gli chiedo cosa gli fosse successo ma inizialmente le uniche sue parole sono state – è tutta colpa mia -. io e colm cerchiamo di calmarlo e di farci siegare la situazione mentre arrivano illian e gandalfr. chiede ai nostri 2 compagni di uscire fuori mentre a me e a colm spiega quali siano i suoi poteri, come funzionano e la sua vera identità, quest'ultima cosa ci lascia completamente spiazzati e una volta che si è calmato un pò facciamo rientrare gli altri e spiega la situzione anche a loro.

lui è il figlio di Alwan Teraknian ,il fondatore della città di sasserine, e di Sasserine Vanderboren, finalmente scopriamo il suo nome completo, capendo il motivo per cui aracne aveva preparato anche un piedistallo per la famiglia Vanderboren, di come per cercare di aiutare i suoi genitori in una battaglia disperata utilizza una maschera molto pericolosa con dei poteri di cronomanzia con i quali ha creato una frattura nello spaziotempo dalla quale è uscito l'essere intrappolato nei sotterranei del castello spedendo lui avanti nel tempo con salti temporali fino ad arrivare nel presente, ci dice cosa si trova sull'isola (la perla bianca che molti nel passare dei secoli hanno cercato), di come funziona il meccanismo delle perle e di come fare per rispedire indietro l'essere imprigionato prima che riesca a liberarsi.

rimaniamo tutti per qualche istante "pietrificati" poichè mai avremmo pensato di sentire tutto ciò, agiunge anche che lui ha cercato di tornare indietro diverse volte utilizzando i poteri della cronomanzia ma senza successo, e la sua unica possibilità per tornare indietro era di entrare nella frattura che dovremmo aprire con il potere della perla bianca inseme all'essere che proviene da li, questo però potrebbe cambiare il corso del tempo riscrivendo completamente gli eventi a partire dal giorno in cui tutto questo aveva inizio.

anche dopo aver sentito questo decidiamo di proseguire mentre il mercante ci aiuta riportando i passegeri della nave a sasserine. da qui in poi le cose si faranno parecchio complicate e prima del momento in cui si dovrenno usare le perle dobbiamo essere sicuri delle nostre scelte, rischiare che quell'essere mostruoso si liberi o rischiare di essere cancellati e riscritti?

Comments

bisonte93

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.